World Bank

World Bank: Il mondo dopo Covid-19 è in profonda recessione

Il Mondo cambiato dal Coronavirus

World Bank:  Il mondo dopo Covid-19 è  in profonda recessione

La pandemia di COVID-19 si è diffusa con una velocità allarmante, infettando milioni di persone e portando l’attività economica a un punto morto mentre i paesi imponevano rigide restrizioni ai movimenti per arrestare la diffusione del virus. Il danno economico è già evidente e rappresenta il più grande shock economico che il mondo abbia vissuto negli ultimi decenni.

Le prospettive economiche globali di giugno 2020  descrivono sia le prospettive immediate che a breve termine per l’impatto della pandemia e il danno a lungo termine che ha arrecato alle prospettive di crescita. La previsione di base prevede una contrazione del 5,2 per cento del PIL globale nel 2020, utilizzando i pesi dei tassi di cambio del mercato, la recessione globale più profonda degli ultimi decenni, nonostante gli straordinari sforzi dei governi per contrastare la recessione con il sostegno della politica fiscale e monetaria. Nell’orizzonte più lungo, si prevede che le profonde recessioni innescate dalla pandemia lascino cicatrici durature attraverso minori investimenti, un’erosione del capitale umano attraverso la perdita di lavoro e scolarizzazione e la frammentazione del commercio globale e dei collegamenti di fornitura.

La crisi evidenzia la necessità di un’azione urgente per attutire la salute e le conseguenze economiche della pandemia, proteggere le popolazioni vulnerabili e gettare le basi per una ripresa duratura. Per i mercati emergenti e per i paesi in via di sviluppo, molti dei quali affrontano vulnerabilità scoraggianti, è fondamentale rafforzare i sistemi di sanità pubblica, affrontare le sfide poste dall’informalità e attuare riforme che sosterranno una crescita forte e sostenibile una volta che la crisi sanitaria si attenuerà.

Contrazione storica del reddito pro capite

La pandemia dovrebbe far precipitare la maggior parte dei paesi in recessione nel corso del 2020. Le economie avanzate dovrebbero registrare un calo del PIL di circa il 7%.

Ogni regione è soggetta a sostanziali declassamenti della crescita. L’Asia orientale e il Pacifico cresceranno di uno scarso 0,5%. L’Asia meridionale si contrarrà del 2,7%, l’Africa sub-sahariana del 2,8%, il Medio Oriente e l’Africa settentrionale del 4,2%, l’Europa e l’Asia centrale del 4,7% e l’America Latina del 7,2%. Queste recessioni dovrebbero invertire anni di progressi verso gli obiettivi di sviluppo e riportare decine di milioni di persone nella povertà estrema.

I mercati emergenti e le economie in via di sviluppo saranno schiacciati da ostacoli economici da più parti: pressione sui sistemi sanitari deboli, perdita di commercio e turismo, rimesse in diminuzione, flussi di capitale contenuti e condizioni finanziarie strette nel mezzo del debito crescente. Gli esportatori di energia o materie prime industriali saranno particolarmente colpiti.La pandemia e gli sforzi per contenerla hanno innescato un crollo senza precedenti della domanda di petrolio e un crollo dei prezzi del petrolio.Anche la domanda di metalli e merci legate al trasporto come la gomma e il platino usati per le parti del veicolo è crollata. Mentre i mercati agricoli sono ben forniti a livello globale, restrizioni commerciali e interruzioni della catena di approvvigionamento potrebbero ancora sollevare problemi di sicurezza alimentare in alcuni luoghi.

Anche questa visione desolata è soggetta a grande incertezza e significativi rischi al ribasso. Le previsioni presuppongono che la pandemia si attenui in modo tale che le misure di mitigazione interne possano essere revocate entro la metà dell’anno nelle economie avanzate e successivamente nei paesi in via di sviluppo, che le ripercussioni globali avverse si allentino durante la seconda metà del 2020 e che si evitino diffuse crisi finanziarie . Questo scenario prevede la ripresa della crescita globale, seppur modestamente, al 4,2% nel 2021.

Tuttavia, questa visione può essere ottimista. Se i focolai di COVID-19 persistessero, se le restrizioni ai movimenti fossero estese o reintrodotte, o se le interruzioni dell’attività economica fossero prolungate, la recessione potrebbe essere più profonda. Le imprese potrebbero avere difficoltà a gestire il debito, l’accresciuta avversione al rischio potrebbe portare a un aumento dei costi di finanziamento e fallimenti e inadempienze potrebbero comportare crisi finanziarie in molti paesi. In questo scenario negativo, la crescita globale potrebbe ridursi di quasi l’8% nel 2020.

Osservare la velocità con cui la crisi ha superato l’economia globale può fornire un indizio su quanto profonda sarà la recessione. Il forte ritmo delle riduzioni delle previsioni di crescita globale indica la possibilità di ulteriori revisioni al ribasso e la necessità di ulteriori azioni da parte dei responsabili politici nei prossimi mesi per sostenere l’attività economica.

Un aspetto particolarmente preoccupante delle prospettive è il pedaggio umanitario ed economico che la recessione globale assumerà nelle economie con ampi settori informali che costituiscono un terzo stimato del PIL e circa il 70% dell’occupazione totale nei mercati emergenti e nelle economie in via di sviluppo. I responsabili politici devono prendere in considerazione misure innovative per fornire sostegno al reddito a questi lavoratori e sostegno al credito a queste imprese.

Danni a lungo termine alla produzione potenziale, crescita della produttività

Le prospettive economiche globali del giugno 2020 guardano oltre le prospettive a breve termine di quelle che potrebbero essere le ripercussioni persistenti della profonda recessione globale: battute d’arresto alla produzione potenziale – il livello di produzione che un’economia può raggiungere a piena capacità e piena occupazione – e produttività del lavoro . Gli sforzi per contenere COVID-19 nelle economie emergenti e in via di sviluppo, comprese le economie a basso reddito con una limitata capacità di assistenza sanitaria, potrebbero scatenare recessioni più profonde e più lunghe⁠ – esacerbando una tendenza pluriennale di rallentamento della crescita potenziale e della crescita della produttività.

Un’altra caratteristica importante dell’attuale panorama è il crollo storico della domanda e dei prezzi del petrolio. È probabile che i bassi prezzi del petrolio forniscano, nella migliore delle ipotesi, un sostegno iniziale temporaneo alla crescita una volta revocate le restrizioni all’attività economica. Tuttavia, anche dopo il recupero della domanda, gli impatti negativi sugli esportatori di energia possono superare qualsiasi beneficio per l’attività degli importatori di energia.I bassi prezzi del petrolio offrono l’opportunità ai produttori di petrolio di diversificare le loro economie. Inoltre, il recente crollo dei prezzi del petrolio potrebbe fornire ulteriore slancio per intraprendere riforme dei sussidi energetici e approfondirli una volta che la crisi sanitaria immediata si placherà.

Di fronte a questa inquietante prospettiva, la priorità immediata per i politici è di affrontare la crisi sanitaria e contenere il danno economico a breve termine. A più lungo termine, le autorità dovranno avviare programmi di riforma globali per migliorare i driver fondamentali della crescita economica una volta che la crisi si sarà sollevata.

Le politiche di ricostruzione sia a breve che a lungo termine comportano il rafforzamento dei servizi sanitari e l’attuazione di misure di stimolo mirate per aiutare a riaccendere la crescita, compreso il sostegno al settore privato e la raccolta di denaro direttamente alle persone. Durante il periodo di mitigazione, i paesi dovrebbero concentrarsi sul sostegno all’attività economica con il sostegno a famiglie, imprese e servizi essenziali.

Il coordinamento e la cooperazione globali — delle misure necessarie per rallentare la diffusione della pandemia e delle azioni economiche necessarie per alleviare il danno economico, incluso il supporto internazionale — offrono le maggiori possibilità di raggiungere gli obiettivi di salute pubblica e consentire una solida ripresa globale.

 

Altre storie
IL DIRITTO ALLA SALUTE NON VA TUTELATO. VA RADDOPPIATO!
IL DIRITTO ALLA SALUTE NON VA TUTELATO. VA RADDOPPIATO!