Economia

Il lavoro femminile nel post pandemia da Covid 19

Il lavoro femminile nel post pandemia da Covid 19. Eravamo rimasti all’Europa, all’Italia, ai paesi cosiddetti frugali e ai fondi del  Recovery Fund, e considerato che questi soldi nel bene o nel male all’Italia arriveranno e li dovrà spendere, è raccomandazione e speranza di tutti che ciò avvenga con la massima avvedutezza .

D’altra parte è la stessa Von Der Leyen a raccomandarsi affinchè l’Italia spenda bene i fondi che l’Europa le ha messo a disposizione con senso di responsabilità orientandosi verso investimenti e riforme. E’ cosa nota a tutti oramai che il paese è in grave difficoltà  e gli effetti del covid 19 sull’economia nazionale hanno prodotto un crollo  record del Pil del -12,4%. Il PIL è quello che produce un  paese in un anno in beni  materiali e servizi.

Quando il PIL in un paese subisce una contrazione di cosi tale ampiezza, la recessione è sfortunatamente assicurata, se si vuole ricercare in Italia un periodo simile a quello del post Covid-19 bisogna tornare al dopoguerra. Se in questo momento i licenziamenti sono ancora bloccati la disoccupazione purtroppo subirà inevitabilmente una forte impennata. I settori che maggiormente hanno risentito della crisi pandemica sono il commercio, il turismo e il sociale.

L’attenzione verso l’economia italiana è altissima non solo da parte dell’Europa, considerato che l’Italia deve recuperare ancora le perdite  della precedente crisi, i soldi del Recovery Fund non arriveranno che tra un anno e, nel frattempo si teme che un’azienda su tre avrà chiuso i battenti. Ciò che non ha avuto la giusta attenzione nonostante  attraversi trasversalmente proprio  il tessuto produttivo italiano in crisi è il lavoro e l’imprenditoria femminile, prevalente proprio in quei settori che più hanno risentito della pandemia.

L’Italia ha bisogno urgentemente di misure economiche mirate a risollevarla velocemente  e farla uscire il prima possibile dalla crisi ma molto si dovrà investire nel welfare incentivando quelle misure che vanno verso la direzione della conciliazione tra tempi di vita e di lavoro proprio per il mondo femminile. Un aspetto quello della parità di genere che va osservato nelle diverse prospettive sociale ed economico.

Sociale: l’universo femminile è stato il più penalizzato dalla pandemia trovandosi   improvvisamente  a dover gestire insieme all’ attività professionale, anche quella  familiare (figli, etc.) a causa della chiusura delle scuole, vedendosi raddoppiato il carico di lavoro senza neanche più i confini con la sfera privata.

Mai come in questo momento il lavoro femminile deve tornare al centro dell’interesse politico e della società civile tutta, per  evitare che quei diritti tanto faticosamente conquistati vadano persi, relegando la donna al ruolo marginale di casalinga  insoddisfatta, irrealizzata e infelice.
Il rischio sempre più concreto è che a causa della pandemia,  l’uguaglianza di genere faccia un gigantesco passo indietro.

Economico: molte donne si sono viste costrette loro malgrado a dover  abbandonare il lavoro per dare priorità alla cura dei propri familiari, provocando  un impatto sul  budget familiare decisamente negativo e il conseguente impoverimento delle famiglie.

Secondo i dati dell’Istat, circa 80mila donne hanno perso il posto di lavoro,  se la situazione era già precaria prima della pandemia, dopo, si è rivelata drammatica.

Il  lavoro delle donne sta cambiando sensibilmente, le imprese prevalentemente colpite durante il periodo della pandemia sono state quelle a guida femminile.

Nel periodo del lockdown  si sono fermate le richieste di apertura di imprese femminili rispetto al periodo precedente, è l’evidente segnale che si devono rafforzare quegli strumenti necessari a sostenere il mondo femminile.

Quelli sopra descritti sono elementi che bene denotano l’importanza e l’urgenza di una rivalutazione e trasformazione del welfare e la sua immediata  calendarizzazione da parte dell’intero panorama politico e soggetti economici, orientando la sua impostazione  sulla base di aspetti molto pratici, solo per fare un esempio, la gestione familiare se le scuole o gli asili dovessero essere  chiusi.

E’ indispensabile iniziare a ripensare seriamente ad un tipo  di welfare   che vada in aiuto   delle tante donne lavoratrici che devono prendersi cura dei propri familiari siano essi bambini, malati o anziani senza costringerle a drastiche decisioni che le mortifichi professionalmente.

Il ruolo femminile nel mercato del lavoro, oggi,   nel periodo post pandemia non è un dettaglio irrilevante,  se il lavoro torna a essere cosa di soli uomini,  l’Italia tornerà indietro di anni in modo irreversibile.

 

Lorena Polidori

Tags
Mostra di più

Lorena Polidori

Lorena Polidori, classe 68 mamma di Riccardo, laurea in Scienze Politiche, Master II livello Innovazione nella Pubblica Amministrazione e numerosi corsi professionalizzanti nel settore lavoro e formazione professionale. Funzionario direttivo amministrativo presso la Regione Marche con esperienza professionale più che decennale nel settore lavoro e formazione professionale FSE. Da sempre attratta dal mondo politico cuore pulsante della società con voce autonoma e critica anche quando ne ho ricoperto per anni ruoli di responsabilità interpretando sempre una visione equilibrata e costruttiva. Correntemente presente su L'Opinione delle libertà e Orizzonti39. Appassionata di sport che pratico sin da bambina e ancora oggi.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close