26 appuntamenti con l' Oracolo di Omaha. I suoi pensieri, le sue idee, le sue lezioni di vita e finanziarie sono tutte sfide che hanno bisogno di essere
FinanzaRisparmi e Investimenti

Ventisei lezioni con Warren Buffett: ecco la prima

Ventisei lezioni con Warren Buffett: ecco la prima

All’età di 26 anni, Warren Buffett era un agente di cambio del Nebraska e, visto che non guadagnava abbastanza lavorava anche come insegnante. Fin quando non ha deciso di fare da solo. Ha preso i soldi del suo “fondo pensione”, erano 174.000 $ e con quelli ha avviato la propria attività di investimento.

Due decenni dopo, era un miliardario.

Oggi, l ‘”Oracolo di Omaha” ha un patrimonio netto di quasi 90 miliardi di dollari, che lo rende la terza persona più ricca degli Stati Uniti dopo Jeff Bezos e Bill Gates. Berkshire Hathaway, la società di Buffett, ha il prezzo delle azioni più costoso di qualsiasi società nella storia, con ogni azione di Classe A che costa oltre  330.000 $. La strategia fondamentale di Berkshire Hathaway è stata quella di identificare aziende di valore e quindi di acquisirne porzioni sempre più grandi. Tra le sue partecipazioni più preziose ci sono circa il 10% delle quote in colossi dell’economia americana come Coca-Cola, Wells Fargo e Southwest Airlines.

Berkshire Hathaway possiede anche poco meno del 19% di American Express, l’11% di Delta e quasi il 6% di Apple (la sua quota più preziosa, con un valore di mercato di oltre  73 miliardi di $). Ha acquisito partecipazioni di controllo in circa 60 società, inclusi marchi noti come Geico, Dairy Queen e Fruit of the Loom.

Il portfolio di Berkshire Hathaway è anche pieno di successi più oscuri, come See’s Candy, che Buffett chiama il suo “business dei sogni”. Buffett ha acquistato See’s Candy per 25 milioni di $ nel 1972 e nel 2019 aveva portato “ben oltre” 2 miliardi di $, un ritorno di quasi 8.000 volte.

Anche gli investitori in Berkshire Hathaway hanno fatto bene. Dal 1965, il prezzo delle azioni di Classe A della Berkshire è aumentato di oltre il 2.700.000%. Ciò è confrontato con un aumento di circa il 20.000% del guadagno complessivo dell’S & P 500 nello stesso periodo.

Non c’è da meravigliarsi che Buffett pubblichi una tabella aggiornata delle prestazioni per azione del Berkshire insieme all’indice azionario all’inizio della lettera agli azionisti di ogni anno, che è diventato un evento annuale nel mondo degli affari e della finanza.

Buffett predica l’importanza della responsabilità fiscale e vive ancora nella casa che ha comprato a Omaha per 31.000 dollari nel 1938. Mangia da McDonald’s e beve “almeno cinque porzioni” di Coca-Cola ogni giorno.

Si prende gioco di se stesso per aver commesso degli errori e canta le lodi dell’esercito di amministratori delegati della Berkshire. Offre una filosofia di investimento fondata non su complicate analisi finanziarie, ma spesso su valutazioni di buon senso del valore di una determinata azienda. Molto usati anche i suoi pensieri, dei veri e propri aforismi di comportamento da tenere nella gestione della finanza. Eccone alcuni tra i più importanti:

  1. “Il prezzo è ciò che paghi, il valore è ciò che ottieni.” 
  2. “Per gli investitori nel loro insieme, i rendimenti diminuiscono all’aumentare del movimento.”
  3. “Sii timoroso quando gli altri sono avidi e avidi solo quando gli altri hanno paura.”
  4. “Scopri chi sta nuotando nudo solo quando la marea si abbassa.”

La prima lezione:

Acquista azioni come proprietario, non come speculatore

Quando molti investitori acquistano azioni, diventano ossessionati dai prezzi, controllandoli costantemente per vedere se i loro soldi stiano aumentando o meno.

Dal punto di vista di Buffett, l’acquisto di un’azione dovrebbe seguire lo stesso tipo di analisi rigorosa dell’acquisto di un’azienda. “Se non sei disposto a possedere un’azione per dieci anni, non pensare nemmeno di possederla per dieci minuti”, ha scritto nella sua lettera del 1969.

Invece di essere troppo coinvolti nel prezzo o nel recente movimento di un’azione, dice Buffett, acquista aziende che realizzano ottimi prodotti, che hanno forti vantaggi competitivi e che possono fornire rendimenti costanti a lungo termine.

In breve, acquista azioni in attività che vorresti possedere.

“Ogni volta che acquistiamo azioni ordinarie per le compagnie di assicurazione del Berkshire … affrontiamo la transazione come se stessimo acquistando un’azienda privata”, ha scritto nella sua  lettera del 1987, “Guardiamo le prospettive economiche dell’azienda, coloro ( i manager) che sono chiamati a realizzare il progetto di crescita  e il prezzo che dobbiamo pagare. Non abbiamo in mente nessun tempo o prezzo per la vendita. “

Guardiamo il suo investimento (e successivamente l’acquisizione) dell’assicurazione auto GEICO, un’acquisizione che è stata definita la migliore in assoluto di Buffett. GEICO rappresentava tutto ciò che Buffett cercava come investitore. Aveva un grande marchio. Aveva un forte team di gestione di cui si fidava. E quando visitò per la prima volta la sede dell’azienda nel 1951, vide “l’enorme vantaggio in termini di costi di cui la società godeva rispetto ai giganti del settore”. La combinazione di tutti questi fattori “ha acceso il suo cuore”.

Nel 1951, Buffett prese la decisione di investire più della metà del suo patrimonio netto in GEICO. Ha aumentato notevolmente le sue partecipazioni durante il mercato ribassista della metà degli anni ’70, quando GEICO era in difficoltà. Nel 1995 possedeva metà dell’azienda e più tardi quell’anno si accordò per acquistare il resto.

Forse nessun altro investimento rappresenta meglio l’ideale di Buffett l’investimento di 50 anni in GEICO.

Buffett ammette che coloro che investono in società sulla base della speculazione che un giorno potrebbero essere utili  potrebbero raccogliere rendimenti – semplicemente non ha alcun interesse in quel tipo di investimento. Preferisce investire in aziende che hanno già successo (anche se quel successo è sottovalutato dal mercato) e che hanno forti possibilità di continuare il successo a lungo termine. Questa convinzione gli dà la possibilità di acquistare porzioni ancora più grandi delle società in cui investe quando il mercato complessivo va in recessione. Con una mentalità speculatrice, Buffett potrebbe aver scaricato le azioni di GEICO a metà degli anni ’70. Con una flessione in corso e buoni guadagni già realizzati, sarebbe uscito allo scoperto. Con la sua mentalità da proprietario, tuttavia, Buffett ha usato la recessione come un’opportunità per accumulare una quota ancora maggiore della società. Nel 2013, Buffett ha riferito che GEICO aveva generato 73 miliardi di $ per Berkshire Hathaway in un anno – non un cattivo rendimento di un anno per una società che Buffett ha rilevato per 2,3 miliardi di $.

 

Tags
Mostra di più

Leopoldo Gasbarro

Direttore di Wall Street Italia e del network finanziario del Gruppo Triboo. Collaboro con Il Giornale per il quale curo la rubrica "Mercati che Fare". Scrittore? Mi diverto a raccontare storie importanti, come quella di Ennio Doris presidente di Banca Mediolanum in "C'è anche Domani" edito da Sperling e di Niko Romito lo chef italiano più emergente (Sperling) in "Apparentemente Semplice". Il mi libro "Rischio Banche" (Sperling) analizza il momento difficile vissuto dal sistema bancario italiano cercando di rendere più edotti i cittadini sui nuovi comportamenti da detenere nella gestione del rapporto con gli istituti di credito. Ho scritto dodici libri, l'ultimo "il Tempo della Verità", edizioni Sperling, è uscito il 25 febbraio scorso.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close