Covid-19Economia

Le società fallite nel 2020

Dai passi falsi dei dirigenti alle chiusure legate alla Pandemia

Le società fallite nel 2020

 

Dai passi falsi dei dirigenti alle chiusure legate alla pandemia, esaminiamo il motivo per cui alcuni dei maggiori rivenditori, tra cui Sears e JCPenney, hanno dichiarato bancarotta. La vendita al dettaglio moderna è a un punto di svolta poiché i rivenditori devono affrontare vetrine fisiche in difficoltà, enormi debiti e operazioni inefficienti, tra le altre questioni. La pandemia Covid-19 ha solo accelerato la caduta di diversi rivenditori, che negli ultimi anni hanno dovuto far fronte a vendite in calo e indebitamento in crescita a causa del cambiamento delle preferenze dei consumatori.

I grandi magazzini sono particolarmente a rischio, con la pandemia che abbatte nomi iconici come Neiman Marcus e JCPenney. I centri commerciali hanno registrato un calo del traffico pedonale anche prima della pandemia, ma gli ordini casalinghi hanno ulteriormente spostato gli acquirenti verso lo shopping online e spendere invece denaro per beni essenziali.

In questo rapporto, analizziamo recenti fallimenti e le ragioni alla base di essi. Come vedremo, Amazon non è l’unico motivo per cui la vendita al dettaglio fisica è travagliata: la colpa, tra gli altri fattori, è anche l’aumento del debito, i passi falsi dei rivenditori e la mancanza di adattabilità.

Ecco le società che hanno dichiarato fallimento nel 2020 finora:

SECOLO 21

Data: settembre 2020

Categoria / Prodotto (i): Grandi magazzini discount

Riepilogo: il discount newyorkese Century 21 chiuderà tutti i 13 negozi dopo aver dichiarato bancarotta a settembre. Il suo amministratore delegato ha incolpato la fine della catena sui suoi assicuratori per non aver pagato la catena $ 175 milioni. Secondo quanto riferito, le catene nazionali di vendita al dettaglio off-price come TJ Maxx e Ross, che vantano un’impronta di vendita al dettaglio molto più ampia, hanno registrato una crescita in mezzo alla pandemia, nonostante la dipendenza del settore dalle vendite di mattoni e malta.

STEIN MART

Data: agosto 2020

Categoria / Prodotto (i): Grandi magazzini discount

Riepilogo: La catena di grandi magazzini discount Stein Mart ha lottato a lungo con il calo delle vendite prima che cadesse in bancarotta ad agosto. La catena aveva inizialmente trovato un acquirente nel gennaio 2020, ma ha annullato la fusione poiché la pandemia l’ha costretta a chiudere le sue sedi. La catena di 112 anni impiegava più di 8.000 persone ad agosto e dovrebbe liquidare tutti i suoi negozi entro la fine dell’anno.

MARCHI SU MISURA

Data: agosto 2020

Categoria / Prodotto (i):  abbigliamento da uomo

Riepilogo: Tailored Brands, che possiede Men’s Wearhouse e Jos. A. Bank, ha dichiarato bancarotta ad agosto. La società era sull’orlo del fallimento da mesi, dopo che le vendite erano diminuite di oltre il 60% a causa della pandemia. A luglio ha annunciato che avrebbe chiuso fino a 500 negozi – oltre un terzo delle sue sedi – e licenziato il 20% del personale aziendale. La società uscirà dal fallimento entro novembre.

LORD & TAYLOR

Data: agosto 2020

Categoria / Prodotto (i):  Grande magazzino

Riepilogo: il più anziano operatore di grandi magazzini negli Stati Uniti, Lord & Taylor, ha dichiarato fallimento per il Capitolo 11 all’inizio di agosto e ha annunciato che avrebbe liquidato tutti i 38 negozi. Il rivenditore di quasi 200 anni è stato acquisito dalla Hudson’s Bay Company nel 2012 e poi venduto al servizio di abbonamento di noleggio di abbigliamento Le Tote per un misero $ 75 milioni nel 2019.

ASCENA RETAIL

Data: luglio 2020

Categoria / Prodotto (i): Abbigliamento e accessori

Riepilogo: Ascena Retail, proprietaria di Ann Taylor e Lane Bryant, chiuderà più della metà dei suoi negozi – 1.600 su 2.800 sedi – secondo la dichiarazione di fallimento del Capitolo 11. È destinato a uscire dalla bancarotta quest’anno, dopo aver venduto il marchio di abbigliamento taglie forti Catherine’s. Precedentemente nota come Dress Barn, la società faceva molto affidamento sulle vendite dei punti vendita al dettaglio nei centri commerciali, ma negli ultimi anni ha registrato un calo delle entrate con la crescente concorrenza dei rivenditori online e dei marchi D2C.

NEW YORK E AZIENDA 

Data: luglio 2020

Categoria / Prodotto (i): Abbigliamento e accessori

Riepilogo: RTW Retailwinds, società madre di New York & Company, sta chiudendo quasi tutti i suoi quasi 400 negozi in 32 stati come parte del fallimento del Capitolo 11. L’ultima di una serie di chiusure di negozi di abbigliamento, la società ha venduto la sua attività di e-commerce e la proprietà intellettuale al gruppo Saadia. Quando gli ordini casalinghi sono stati emanati negli Stati Uniti, rivenditori come New York & Company hanno visto le vendite precipitare, costringendoli a licenziare lavoratori e chiudere temporaneamente i negozi.

MUJI USA

Data: luglio 2020

Categoria / Prodotto (i): Cancelleria e vendita al dettaglio

Riepilogo: il braccio statunitense del rivenditore giapponese Muji ha dichiarato bancarotta a luglio, una delle ultime vittime della pandemia di Covid-19. Conosciuto per i suoi prodotti minimalisti e senza marchio, il rivenditore prevede di chiudere alcune delle sue 18 sedi negli Stati Uniti , ma continuerà a gestire il suo negozio di e-commerce. Secondo quanto riferito, la sua attività negli Stati Uniti ha operato in perdita negli ultimi 3 anni, a causa degli affitti elevati e delle alternative più economiche .

SUR LA TABLE

Data: luglio 2020

Categoria / Prodotto (i): Utensili da cucina

Riepilogo: il venditore di utensili da cucina Sur La Table ha presentato istanza di fallimento per il Capitolo 11 nella stessa settimana di Muji USA. Il rivenditore chiuderà più di 70 dei suoi 112 negozi e venderà le sue attività a Fortress Investment Group. La società stava già lottando per rimanere a galla prima della pandemia, poiché i rivenditori online consumavano la sua quota di mercato ei consumatori si allontanavano dalla cucina casalinga.

BROOKS BROTHERS

Data: luglio 2020

Categoria / Prodotto (i): Abbigliamento e accessori

Riepilogo: il famoso marchio di abbigliamento maschile Brooks Brothers ha affrontato l’evoluzione del suo marchio negli ultimi anni, poiché gli stili di abbigliamento più casual sono diventati la norma. Dopo aver dichiarato fallimento a luglio, la società di gestione al dettaglio Authentic Brands Group e il proprietario di un centro commerciale Simon Property Group hanno vinto la gara per acquistare il marchio offrendo un prestito a tasso zero .

MARCHIO FORTUNATO

Data: luglio 2020

Categoria / Prodotto (i): Abbigliamento e accessori

Riepilogo: il rivenditore di abbigliamento Lucky Brand ha dichiarato bancarotta a luglio , con l’intenzione di chiudere almeno 13 negozi e vendere la sua attività a un gruppo di abbigliamento di proprietà di Authentic Brands e Simon Property Group, che gestiscono anche Aéropostale e Nautica. Il rivenditore di abbigliamento ha registrato un calo delle entrate del 50% su base mensile a causa della pandemia di coronavirus.

G-STAR

Data: luglio 2020

Categoria / Prodotto (i): Abbigliamento e accessori

Riepilogo: il marchio di jeans con sede nei Paesi Bassi G-Star, che gestisce 31 negozi negli Stati Uniti, ha dichiarato bancarotta ai sensi del Capitolo 11 a luglio, citando l’interruzione della pandemia nei suoi punti vendita. Il CEO di G-Star ha dichiarato che prevede di chiudere circa 24 negozi negli Stati Uniti. La sua società madre e l’attività basata sul web rimarranno operative.

NPC INTERNATIONAL

Data: luglio 2020

Categoria / Prodotto (i): Operatore di fast food

Riepilogo: Il più grande franchisee di Pizza Hut, NPC International, ha dichiarato bancarotta a luglio nonostante la rinascita delle catene di pizzerie durante la crisi del Covid-19. Operatore di oltre 1.200 Pizza Huts e quasi 400 ristoranti di Wendy, NPC ha assistito a crescenti turbolenze nell’ultimo anno, con un crescente debito di quasi $ 1 miliardo, aumento dei costi di cibo e manodopera e, infine, gli arresti causati dalla pandemia. NPC spera di vendere la sua attività per almeno $ 725 milioni – $ 400 milioni per le sedi di Wendy e $ 325 milioni per i suoi negozi Pizza Hut.

CHUCK E. FORMAGGIO

Data: giugno 2020

Categoria / Prodotto (i): Centri di intrattenimento

Riepilogo: la società madre di Chuck E. Cheese, la CEC Entertainment, ha dichiarato bancarotta alla fine di giugno. La catena ha annunciato la chiusura definitiva di 47 negozi Chuck E. Cheese, che sono stati particolarmente colpiti dalle chiusure dovute a pandemia.

GNC

Data: giugno 2020

Categoria / Prodotto (i): Prodotti per la salute e il benessere

Riepilogo: La catena di vitamine e nutrizione GNC ha lottato per raccogliere vendite e pagare quasi $ 1 miliardo di debiti, anche prima della pandemia. Alla fine ha dichiarato bancarotta a giugno quando la crisi del Covid-19 l’ha costretta a chiudere il 40% delle sue sedi. La società ha detto che chiuderà fino a 1.200 negozi in tutta la nazione. A settembre, è stato venduto al gruppo farmaceutico Harbin con sede in Cina per 770 milioni di dollari.

FITNESS 24 ORE

Data: giugno 2020

Categoria / Prodotto (i): Palestra

Riepilogo: la catena di palestre 24 Hour Fitness ha dichiarato bancarotta a metà giugno dopo aver chiuso le sue sedi per mesi a causa del Covid-19. Sarà chiudere definitivamente 100 palestre, lasciando circa 300 sedi in tutta la nazione . Le catene di palestre di medio livello hanno dovuto affrontare una crescente concorrenza da parte di classi boutique, come OrangeTheory e Barry’s Bootcamp, e strutture più economiche, come Planet Fitness.

LE PAIN QUOTIDIEN

Data: maggio 2020

Categoria / Prodotto (i): catena di panifici e caffetterie

Riepilogo: La catena di panifici e caffetterie Le Pain Quotidien ha dichiarato bancarotta a maggio, ma i suoi documenti hanno rivelato che la società aveva pianificato di farlo prima della pandemia. La catena, che ha avuto origine in Belgio, è stata salvata dalla liquidazione quando ha successivamente venduto tutte le sue 98 sedi al marchio alimentare Aurify , consentendo ad almeno 35 negozi di continuare le operazioni .

VANTAGGIO NOLEGGIO AUTO 

Data: maggio 2020 (terzo fallimento)

Categoria / Prodotto (i): Auto a noleggio

Riepilogo: dopo Hertz, Advantage Rent A Car ha presentato il suo capitolo 11 alla fine di maggio , poiché la pandemia ha continuato a rallentare i viaggi. Secondo quanto riferito, questo segna la terza dichiarazione di fallimento per la società di noleggio auto, dopo averla presentata in precedenza nel 2008 e nel 2013. La dichiarazione della società del 2013 ha portato alla sua vendita alla società di PE con sede a Toronto Catalyst Capital Group.

HERTZ

Data: maggio 2020

Categoria / Prodotto (i): Auto a noleggio

Riassunto: La seconda più grande società di noleggio auto della nazione , Hertz è una delle vittime più alto profilo della pandemia coronavirus, con $ 19B in debito e alcune 700.000 vetture nel suo inventario . L’industria automobilistica a noleggio ha visto la domanda precipitare con l’interruzione dei viaggi a causa delle chiusure a livello nazionale. A giugno, le azioni Hertz sono aumentate di ben 10 volte, il che ha portato Hertz a tentare di vendere nuove azioni delle sue azioni – una mossa presto revocata quando la SEC ha iniziato a esaminare la vendita.

MARCHI CENTRICI

Data: maggio 2020

Categoria / Prodotto (i): collettivo di marca

Riepilogo: Centric Brands progetta e produce abbigliamento per marchi come Calvin Klein, Tommy Hilfiger e Under Armour. Come parte del suo deposito al capitolo 11, il collettivo del marchio ha stipulato un accordo di sostegno alla ristrutturazione con i suoi finanziatori e emergerà come azienda privata. La società ha dichiarato a settembre che prevede di uscire dal fallimento entro la fine di ottobre.

JCPENNEY

Data: maggio 2020

Categoria / Prodotto (i): Grande magazzino

Riepilogo: la catena di grandi magazzini JCPenney è stata un’altra delle prime vittime della crisi del Covid-19, dichiarando bancarotta a metà maggio. La società ha affermato che continuerà a operare durante il fallimento, ma prevede di chiudere circa il 30% dei suoi oltre 800 negozi negli Stati Uniti. JCPenney è stata assediata da problemi negli ultimi dieci anni, molti dei quali si sono autoinflitti a causa di decisioni esecutive sbagliate. È denaro emorragico dal 2010, il suo ultimo anno redditizio, e da allora ha accumulato $ 4,5 miliardi di perdite nette. A settembre, i proprietari di centri commerciali Simon Property Group e Brookfield Property Group hanno annunciato un accordo per l’acquisizione della catena per $ 1,75 miliardi.

PUNTI VENDITA 

Data: maggio 2020

Categoria / Prodotto (i): Grande magazzino

Riepilogo: l’ operatore di grandi magazzini Stage Stores, che possiede grandi magazzini e marchi di sconto come Goody’s, Peebles e Gordmans, ha dichiarato bancarotta dopo essere stato costretto a chiudere temporaneamente tutti i suoi oltre 700 negozi in 42 stati. Le catene di grandi magazzini come Stage Stores sono state particolarmente a rischio a causa della pandemia, poiché il passaggio agli acquisti online è accelerato.

MARTEDÌ MATTINA

Data: maggio 2020

Categoria / Prodotto (i): Sconto per la casa

Riepilogo: Martedì mattina la catena di sconti per la casa ha dichiarato bancarotta per il Capitolo 11 a maggio, citando la chiusura di negozi indotta da Covid-19. La società prevede di ristrutturare e chiudere circa 230 sedi, lasciando 450 negozi rimanenti negli Stati Uniti, ed è attualmente alla ricerca di acquirenti.

NEIMAN MARCUS

Data: maggio 2020

Categoria / Prodotto (i): Grande magazzino

Riepilogo: il rivenditore di lusso Neiman Marcus è stato un altro importante rivenditore nazionale a presentare istanza di fallimento del Capitolo 11 durante la crisi del coronavirus, ma è uscito a settembre sotto nuovi proprietari, tra cui Pimco, Davidson Kempner Capital Management e Sixth Street. Come molti altri rivenditori, ha dovuto affrontare problemi derivanti da prima della pandemia, soprattutto dopo un’acquisizione di private equity del 2013 che ha gravato la società con debiti. La catena di grandi magazzini, proprietaria di Bergdorf Goodman, ha lottato per adattarsi all’e-commerce e il suo pesante carico di debiti le ha impedito di competere con rivali come Farfetch e Net-a-Porter. .

ALDO

Data: maggio 2020

Categoria / Prodotto (i): Calzature

Riepilogo: la catena di scarpe Aldo ha dichiarato bancarotta in Canada a maggio e sta cercando protezione negli Stati Uniti e in Svizzera. Il rivenditore con sede a Montreal non è riuscito a prendere piede nel crescente mercato delle calzature casual negli ultimi anni.

JOHN VARVATOS

Data: maggio 2020

Categoria / Prodotto (i): Abbigliamento e accessori

Riepilogo: il marchio di abbigliamento maschile di lusso John Varvatos ha dichiarato bancarotta a maggio. Il suo attuale proprietario di maggioranza, Lion Capital, ha ricevuto l’approvazione del tribunale per acquistare il marchio a luglio, che includeva un’offerta di credito di $ 76 milioni. L’azienda ha sofferto nel 2019 quando Nordstorm ha ritirato alcuni dei suoi marchi dai suoi grandi magazzini, determinando un brusco calo dei profitti. Il marchio era a metà della riorganizzazione quando la pandemia lo costrinse a chiudere i negozi e licenziare il 76% della sua forza lavoro.

PALESTRA DELL’ORO

Data: maggio 2020

Categoria / Prodotto (i): Palestra

Riepilogo: la catena globale di palestre Gold’s Gym ha presentato il suo capitolo 11 a maggio. In mezzo alla pandemia, l’azienda ha dovuto chiudere temporaneamente circa 700 palestre a livello globale e chiudere definitivamente 30 sedi. La società ha detto che prevede di uscire dalla bancarotta entro agosto e continuerà a operare durante la ristrutturazione .

J. CREW GROUP

Data: maggio 2020

Categoria / Prodotto (i): Abbigliamento e accessori

Riepilogo: il proprietario di J. Crew e Madewell è stato il primo marchio di negozi nazionali negli Stati Uniti a dichiarare bancarotta dall’inizio della pandemia Covid-19. La chiusura dei negozi ha decimato le vendite e ha fatto deragliare i piani di IPO per Madewell, che negli ultimi anni ha raccolto più successo e popolarità di J. Crew. La società ha continuato a operare durante il fallimento, da cui è emersa a settembre.

RADICI USA

Data: aprile 2020

Categoria / Prodotto (i): Abbigliamento e accessori

Riepilogo: Roots, rivenditore di abbigliamento con sede a Toronto, sta chiudendo la maggior parte dei suoi 9 negozi negli Stati Uniti, che hanno rappresentato solo perdite per il marchio. Il suo braccio statunitense ha presentato istanza di fallimento per il Capitolo 7 ad aprile, ma Roots prevede di mantenere aperti i suoi negozi di lunga data nel Michigan e nello Utah.

VERA RELIGIONE

Data: aprile 2020 (secondo fallimento)

Categoria / Prodotto (i): Abbigliamento e accessori

Riepilogo: il deposito del capitolo 11 di aprile di True Religion ha segnato il secondo fallimento del rivenditore di jeans in 3 anni. L’azienda ha chiuso temporaneamente tutti i negozi a causa della crisi e nel frattempo ha licenziato più del 90% dei suoi dipendenti . Dice che prevede di uscire dal fallimento in ottobre.

DEAN E DELUCA

Data: marzo 2020

Categoria / Prodotto (i): Alimentari

Riepilogo: la catena di negozi di alimentari Gourmet Dean & DeLuca aveva già cessato tutte le attività quando ha presentato istanza di fallimento a marzo. La catena era stata un pioniere nell’introdurre i clienti statunitensi a articoli internazionali difficili da ottenere, ma la crescente concorrenza di rivali come Whole Foods e Trader Joe di Amazon l’ha costretta a chiudere i negozi dopo aver esaurito i contanti a metà del 2019 . Dean & Deluca è stata acquisita dallo sviluppatore immobiliare thailandese Pace Development nel 2014.

ARTICOLI SPORTIVI MODELL

Data: marzo 2020

Categoria / Prodotto (i): Articoli sportivi

Riepilogo: il rivenditore di articoli sportivi ha dichiarato bancarotta a marzo, con l’intenzione di liquidare tutti i suoi 134 negozi. Retail Ecommerce Ventures ha acquisito la sua attività di e-commerce e la proprietà intellettuale ad agosto per 3,6 milioni di dollari.

MOBILI D’ARTE

Data: marzo 2020

Categoria / Prodotto (i): Mobili

Riepilogo: Art Van Furniture ha venduto un quinto dei suoi negozi nella sua dichiarazione di fallimento del Capitolo 11, che è stata successivamente convertita in un Capitolo 7. Il rivenditore di mobili era una volta uno dei più grandi del Midwest, con quasi 170 sedi. US Realty Acquisitions, la divisione di investimenti immobiliari della società di private equity US Assets, ha acquisito l’inventario e le attività per circa 6,9 milioni di dollari e ha riaperto i negozi con un nuovo nome, Loves Furniture.

MARCHI BLUESTEM

Data: marzo 2020

Categoria / Prodotto (i): rivenditore D2C

Riepilogo: il rivenditore D2C Bluestem Brands ha dichiarato fallimento per il Capitolo 11 a marzo, citando la scarsa performance durante le festività e una prolungata crisi di liquidità. Il deposito è arrivato con un accordo per vendersi alla società di private equity Cerberus Capital Management LP, che è stato completato ad agosto. Bluestem possiede una varietà di marchi, tra cui Appleseed’s, Blair, Draper’s & Damon’s e Fingerhut, che abbracciano più categorie di vendita al dettaglio come abbigliamento ed elettronica.

IMPORTAZIONI MOLO 1

Data: febbraio 2020

Categoria / Prodotto (i): Articoli per la casa

Riepilogo: dopo la dichiarazione di fallimento a febbraio, il rivenditore di articoli per la casa Pier 1 Imports ha chiuso tutti i suoi negozi al dettaglio mentre il Covid-19 picchiava la società già vulnerabile. Retail Ecommerce Ventures ha acquistato le risorse di e-commerce di Pier 1 per $ 31 milioni a luglio.

PAPIRO

Data: gennaio 2020

Categoria / Prodotto (i): Cancelleria

Riepilogo: Schurman Fine Paper, proprietaria della catena di cancelleria Papyrus, ha dichiarato bancarotta a gennaio. Ha detto che avrebbe chiuso tutti i 254 negozi in Nord America. L’avvento dell’e-mail e dei messaggi di testo ha effettivamente devastato il settore dei biglietti di auguri e l’azienda afferma di non essere mai stata in grado di riprendersi completamente dalla Grande Recessione .

FAIRWAY

Data: gennaio 2020 (secondo fallimento)

Categoria / Prodotto (i): Alimentari

Riepilogo: la catena di negozi di alimentari Fairway di New York ha dichiarato bancarotta a gennaio e chiuderà fino a 5 delle sue 14 sedi. La catena ha dichiarato bancarotta nel 2016, dopo essere diventata pubblica nel 2013. La pressione dei concorrenti più grandi come Whole Foods e Trader Joe’s ha spremuto le catene più piccole negli ultimi anni, con A&P, Winn-Dixie e Bi-Lo che hanno dichiarato bancarotta negli ultimi anni anni.

 

 

Tags
Mostra di più

Leopoldo Gasbarro

Direttore di Wall Street Italia e del network finanziario del Gruppo Triboo. Collaboro con Il Giornale per il quale curo la rubrica "Mercati che Fare". Scrittore? Mi diverto a raccontare storie importanti, come quella di Ennio Doris presidente di Banca Mediolanum in "C'è anche Domani" edito da Sperling e di Niko Romito lo chef italiano più emergente (Sperling) in "Apparentemente Semplice". Il mi libro "Rischio Banche" (Sperling) analizza il momento difficile vissuto dal sistema bancario italiano cercando di rendere più edotti i cittadini sui nuovi comportamenti da detenere nella gestione del rapporto con gli istituti di credito. Ho scritto dodici libri, l'ultimo "il Tempo della Verità", edizioni Sperling, è uscito il 25 febbraio scorso.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close