Risparmi e Investimenti

Da Federer a Thaler. (Seconda parte)

Tennis ed investimenti corrono a braccetto. Dal "Colpo Vincente" alla "Strategia".

Da Federer a Thaler. (Seconda parte)

Dal “Colpo Vincente” alla “Strategia”.

“Non sono le persone che giocano per perdere, ma perdono a causa della strategia che stanno seguendo”.

Se non sei un campione hai bisogno di strategia, ma anche se sei campione tra i campioni hai bisogno di strategia. Quando pensi di essere più in gamba di tutti gli altri, quando pensi di aver trovato “Il Passante”, “Il Rovescio”, il “Colpo Vincente della tua vita”, quello è il momento in cui penserai di non aver più bisogno di strategia, quello è il momento in cui quel “Colpo Vincente” si trasformerà nel peggior nemico della tua vita.

E’ un pò questo il senso della prima parte del tema che tratto e concludo con quest’articolo di oggi, dopo aver cominciato a farlo con quello già pubblicato ieri:

“Quel colpo sarà il tuo peggior nemico”. (Prima parte – Quanti Federer ci sono?).

Ripartiamo da quello…

…Richard Thaler premio nobel per l’economia ed il professore di Yale Robert Shiller hanno osservato che:

“I singoli investitori e gestori di denaro persistono nella loro convinzione di essere dotati di maggiori e migliori informazioni rispetto ad altri e di poter trarre profitto dalla selezione di azioni”. 

Il novanta per cento pensa di essere al di sopra della media. Questa intuizione aiuta a spiegare perché i singoli investitori credono di poter scegliere titoli che supereranno il mercato, calcolare il tempo di permanenza nel mercato e identificare i pochi gestori attivi che batteranno i rispettivi benchmark. Gus Sauter, che ha gestito una vasta gamma di fondi indicizzati per Vanguard e un fondo gestito attivamente, ha fornito questa itestimonianza:

“Come tutti gli altri in questo settore, ho un ego abbastanza grande da credere che sarò uno dei pochi che sovraperformerà.

L’eccesso di sicurezza costa

Gli investitori farebbero bene a dare ascolto all’editorialista del Wall Street Journal Jonathan Clements, che ha fatto la seguente osservazione:

“Battere il mercato? L’idea è ridicola. Dal momento che pochissimi investitori riescono a battere il mercato, ma in un sorprendente trionfo della speranza sull’esperienza, milioni di investitori continuano a provare “.

L’ eccessiva sicurezza fornisce la spiegazione di questo comportamento. Gli investitori possono persino riconoscere la difficoltà del compito; tuttavia, credono ancora di poter avere successo con un alto grado di probabilità. Come ha affermato l’autore e giornalista di finanza personale James Smalhout,

“Gli psicologi hanno documentato a lungo la tendenza dell’Homo sapiens a sopravvalutare le proprie capacità e prospettive di successo. Ciò è particolarmente vero per la sottospecie che investe in azioni e, di conseguenza, tende a a proporsi in overtrade”.

Gary Belsky e Thomas Gilovich, autori del meraviglioso libro Why Smart People Make Big Money Mistakes , sono giunti alla seguente conclusione:

Qualsiasi individuo che non sia occupato professionalmente nel settore dei servizi finanziari (e anche la maggior parte di coloro che lo sono) e che in qualsiasi modo tenti di gestire attivamente un portafoglio di investimenti probabilmente soffre di eccessiva sicurezza. Cioè, chiunque abbia abbastanza fiducia nelle proprie capacità e conoscenze per investire in un particolare titolo o obbligazione (o un fondo comune di investimento gestito attivamente o un fondo di investimento immobiliare o una società in accomandita semplice) molto probabilmente si sta prendendo in giro. In effetti, la maggior parte di queste persone – probabilmente tu – non ha alcun interesse a cercare investimenti, tranne forse come sport. Queste persone – di nuovo, probabilmente tu – dovrebbero semplicemente dividere i loro soldi tra diversi fondi comuni di investimento indicizzati e disattivare CNBC. 

La morale della favola

Per riecheggiare i sentimenti dell’ex editorialista del Wall Street Journal Jonathan Clements:

“Se vuoi vedere la più grande minaccia per il tuo futuro finanziario, vai a casa e guardati allo specchio.  Se decidi di giocare il gioco del perdente dell’investimento attivo, le uniche persone che probabilmente arricchirai sono i gestori del prodotto di investimento in cui stai investendo e l’editore della newsletter, rivista o servizio di valutazione a cui ti iscrivi”.

A meno che, aggiungo io, tu non sia Roger Federer, e riesca a trovare il “Colpo Vincente” ogni volta…

Tags
Mostra di più
Pubblicità

Leopoldo Gasbarro

Direttore di Wall Street Italia e del network finanziario del Gruppo Triboo. Collaboro con Il Giornale per il quale curo la rubrica "Mercati che Fare". Scrittore? Mi diverto a raccontare storie importanti, come quella di Ennio Doris presidente di Banca Mediolanum in "C'è anche Domani" edito da Sperling e di Niko Romito lo chef italiano più emergente (Sperling) in "Apparentemente Semplice". Il mi libro "Rischio Banche" (Sperling) analizza il momento difficile vissuto dal sistema bancario italiano cercando di rendere più edotti i cittadini sui nuovi comportamenti da detenere nella gestione del rapporto con gli istituti di credito. Ho scritto dodici libri, l'ultimo "il Tempo della Verità", edizioni Sperling, è uscito il 25 febbraio scorso.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close