Banca

Pandemia. Dall’Inghilterra: Lezioni dalla Prima Guerra Mondiale

Tassare la parte finanziaria che veleggia grazie al Covid_19

Pandemia. Dall’Inghilterra: Lezioni dalla Prima Guerra Mondiale

L’enorme impatto di COVID-19 sul mondo porta a fare paragoni con la prima guerra mondiale. Lo storico Niall Ferguson, ad esempio, evidenzia il rapporto tra il panico finanziario, la portata globale, la dislocazione economica e l’allarme popolare di entrambe le crisi. Entrambi gli eventi sono costati enormi somme al Regno Unito, portando oggi il debito pubblico a oltre 2trilioni di sterline , pari a oltre il 100% del PIL. Nel 1919 era ancora più alto al 135% . Entrambe le crisi, però, hanno generato anche vincitori e vinti per quanto riguarda la finanza, oltre che la salute.

Siamo ora nella seconda ondata del virus COVID-19 e non abbiamo idea di quanto costerà questa pandemia. Ma possiamo imparare lezioni dalla prima guerra mondiale e dalle successive crisi su come ridurre il conto finale. Di fronte a un dilemma simile nel 1915, la soluzione del gabinetto di guerra era di prendere di mira i vincitori finanziari della guerra con una tassa speciale. Più recentemente, Margaret Thatcher e Gordon Brown hanno adottato una strategia simile durante i periodi di crisi economica. Il governo di oggi può imparare da questo approccio prendendo di mira quelle organizzazioni che hanno tratto profitto dalla pandemia per aiutare coloro che stanno lottando.

Durante la prima guerra mondiale, nonostante le sofferenze, ci furono alcuni vincitori finanziari, anche tra le famiglie della classe operaia. La carenza di manodopera ha fatto aumentare i salari e le donne hanno preso i lavori degli uomini assenti o hanno lavorato nelle fabbriche di munizioni. Tutto questo si è aggiunto al bilancio familiare. Una vignetta sulla rivista satirica, Punch nel 1917 mostra un lavoratore di munizioni ai cancelli della fabbrica che indossa un cappotto elegante e fuma un sigaro, dicendo al suo amico che ha appena comprato un pianoforte.

Schizzo di due uomini nel 1917, uno che fuma un sigaro.

Fumetto della rivista Punch del 1917 in cui un lavoratore di munizioni dice al suo amico che ha appena comprato un pianoforte.

Anche alcune società hanno tratto profitto dalla guerra. Nel 1915, Spillers and Bakers, un’azienda di demolizioni, che si scusò pubblicamente per aver realizzato profitti di 300.000 sterline rispetto alle 50.000 sterline ottenute prima della guerra. Anche settori come quello marittimo, o quello che riforniva l’esercito di armi, uniformi e generi alimentari, andarono bene.

Il governo inglese, così, ha imposto una tassa denominata Excess Profits Duty alle società che traevano profitto dalla guerra.Era una tassa del 50% su tutti i profitti in tempo di guerra superiori ai profitti medi prima della guerra. È stata una tassa così efficace che è rimasta in vigore fino al 1921 a varie aliquote comprese tra il 40% e, al suo apice, l’80%.

Oggi ci sono anche vincitori finanziari individuali e aziendali, questa volta a causa della pandemia dii COVID-19.

Le aziende in settori come la produzione di dispositivi di protezione individuale, la consegna a domicilio, l’intrattenimento online, l’IT, i servizi di consulenza e i social media hanno sicuramente realizzato profitti in crescita. Alcuni di questi profitti potrebbero essere facilmente utilizzati per finanziare i salari dei dipendenti di aziende chiuse durante i blocchi.

Non mancano i costi relativi al COVID-19 da coprire. I profitti in eccesso della crisi dovrebbero essere tassati, come durante la prima guerra mondiale, finché dura la crisi. Alcuni esempi più recenti mostrano come ciò potrebbe essere possibile.

Precedenti fiscali imprevisti

I governi hanno utilizzato questo tipo di tasse per tappare i buchi nella spesa pubblica nei momenti di bisogno in passato. In un momento di alta disoccupazione e inflazione, le banche stavano realizzando notevoli profitti da alti tassi di interesse. Nello stesso anno, con un prezzo del petrolio in forte espansione, la Thatcher ha anche spremuto in contanti le compagnie petrolifere e del gas del Mare del Nord imponendo un’imposta supplementare sul petrolio del 20% delle entrate lorde su ciascun giacimento petrolifero con i primi 20.000 barili esenti da dazio tassazione pesante.

Poi, nel 1997, come cancelliere del tesoro nel nuovo governo laburista, Gordon Brown ha raccolto 5,2 miliardi di sterline imponendo una tassa inaspettata sulle società di servizi privatizzate che, ha sostenuto, erano state vendute troppo a buon mercato . L’imposta imposta si basava sulla differenza tra l’importo (inferiore) ricevuto dal governo sulla privatizzazione e l’importo (più alto) che il governo avrebbe ricevuto se i profitti sostanziali che le società di servizi privatizzate avessero effettivamente realizzato dopo la privatizzazione fossero stati presi in considerazione.

L’ultima tassa imprevista è stata imposta nel 2010 da Alastair Darling, l’allora cancelliere. Era una tassa del 50% sui bonus dei banchieri di oltre 25.000 sterline, a carico delle banche e non dei singoli banchieri. Previsto per raccogliere 550 milioni di sterline, ha raccolto 3,4 miliardi di sterline poiché le banche di investimento non sono riuscite a ridurre i bonus tanto quanto il governo aveva previsto. All’epoca i banchieri erano sotto i riflettori, accusati di essere responsabili della crisi finanziaria globale del 2008.

Questi esempi mostrano creatività, flessibilità e opportunismo da parte dei governi successivi nel progettare tasse per assorbire i profitti in eccesso. Finora, sotto una notevole pressione, l’attuale governo ha avuto poco tempo per riflettere su come recuperare gli alti profitti equivalenti dalla pandemia. Ma con l’aumento della disoccupazione e l’aumento del numero di perdenti finanziari, ora è il momento di ripristinare il campo di gioco tassando i vincitori finanziari. Ci sono molti esempi a cui attingere.

Tags
Mostra di più
Pubblicità

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close