EconomiaFinanza

Jeremy Siegel: “nel 2021 continuerà la corsa dei mercati azionari”

L'autore di "Stocks for the Long Run" racconta il suo 2021.

Jeremy Siegel: “nel 2021 continuerà la corsa dei mercati azionari

“Tratto da un’intervista di Huebscher del

Ho detto più volte che l’enorme fornitura di liquidità da parte della Fed, supportata dal CARES ACT del governo, sarebbe stata molto positiva per il mercato azionario. Ho ribadito come questa liquidità sarebbe andata prima negli asset e poi, nel 2021, quando arriverà il vaccino, nell’economia. Sappiamo che le azioni sono le attività più longeve e mi aspetto un grande 2021. Prevedo che il mercato rialzista continuerà il prossimo anno. Le azioni non sono troppo care.

La pandemia ha accelerato le tendenze in atto, ma ha anche avviato nuove tendenze. Ovviamente, le tendenze verso il declino della vendita al dettaglio tradizionale e l’aumento degli acquisti online sono state accelerate. Ma la facilità con cui così tante persone, in particolare i colletti bianchi, possono lavorare da casa, ci ha portato a ripensare i requisiti di spazio per gli uffici e la quantità di tempo che le persone hanno bisogno di spendere per spostarsi, andare e tornare dai loro uffici. Lo spazio ufficio sarà messo in discussione per molto tempo. Penso anche che i viaggi d’affari rimarranno fermi per un lungo periodo.

In effetti, il mercato degli immobili commerciali potrebbe non riprendersi mai, poiché le persone si rendono conto che possono organizzare riunioni Zoom efficaci molto più facilmente di quanto possano fare spostandosi da qualche parte. Questi sono cambiamenti permanenti. Tuttavia, credo che i viaggi di piacere torneranno tutti. I parchi a tema si riprenderanno; lo stesso varrà per i ristoranti. Ma i viaggi d’affari e gli edifici per uffici saranno permanentemente  messi in secondo piano.

Se le persone non devono spostarsi, il motivo per cui alcune persone vivono in città si riduce. Tuttavia, le arti, i musei e i teatri dal vivo torneranno in piena attività. Broadway tornerà. Il teatro dal vivo, il balletto, le orchestre e l’opera non possono essere ritrasmessi attraverso la televisione con la stessa efficacia dei film e questi eventi riprenderanno con ancor  maggior frequenza. Diverso sarà per i cinema potrebbero non avere più lo stesso spazio a causa di Netflix e di altri servizi domestici simili. Credo che le seconde case diventeranno molto popolari. Molti avranno una casa dentro o vicino alla città e anche nei luoghi in cui amano stare: montagne, mare, fiumi o laghi. Siamo in vista di un boom di seconde case come  mai abbiamo visto.

I tassi d’Interesse. Col passare del tempo, sono diventato ancora più convinto che i tassi prossimi allo zero non siano causati dalle banche centrali che li mantengono a breve molto bassi. Ci sono forze economiche reali molto forti che stanno mantenendo i tassi bassi a livelli record. I dati demografici, l’invecchiamento della popolazione, l’aspettativa di vita più lunga, più risparmi e l’elevata avversione al rischio sono alcuni dei fattori che spingono gli investitori verso le obbligazioni. Inoltre, le obbligazioni sono diventate l’asset di copertura preferito dai gestori a breve termine per attutire il rischio azionario. I titoli del tesoro di solito salgono di prezzo quando le azioni scendono. Tutti questi fattori non cambieranno con per molto tempo. Detto questo, vedo un aumento dei tassi delle obbligazioni a lungo termine a causa delle mie previsioni di inflazione. Mi aspetto che i tassi di interesse tornino all’1,75% almeno entro la fine del prossimo anno e raggiungano l’intervallo del 2% entro il 2022.

Credo fermamente che il mercato rialzista delle obbligazioni, iniziato nel 1981 con un rendimento a 10 anni superiore al 16%, sia terminato. Non vedremo mai nella nostra vita, e forse in quella dei nostri figli, rendimenti del Tesoro a lungo termine così bassi come li abbiamo visti quest’anno. Vedo un’inflazione più elevata e una crescita economica più forte che segna la fine di questo lungo mercato rialzista.

A proposito, il mercato rialzista delle obbligazioni è stato il mercato rialzista più lungo di qualsiasi importante asset class nella storia del mondo. Ha avuto interruzioni, ma siamo passati dal 16% allo 0,5% in 39 anni. Ma credo che quest’anno abbiamo toccato il fondo.

Investimenti  ESG. So che i giovani amano le emissioni pulite, le auto elettriche e le energie rinnovabili. Sono molto interessati a questo e agli altri fattori che potrebbero essere riconducibili al mondo ESG. Credo che questi investimenti diventeranno sempre più popolari

Futuro. Vedo allentarsi le tensioni in Medio Oriente. Il petrolio non è importante come una volta e non vedo crisi petrolifere o altre crisi politiche all’orizzonte. Credo che Trump alla fine ammetterà le elezioni senza incidenti e l’arrivo dei vaccini dovrebbe far tornare tutto verso la normalità anche se con tutte le considerazioni che abbiamo appena fatto. Per questo sono ottimista. I momenti di buio possono capitare, ma l’uomo, nella Lunga Corsa del Progresso, è sempre stato capace di superarli.

 

Tags
Mostra di più
Pubblicità

Leopoldo Gasbarro

Direttore di Wall Street Italia e del network finanziario del Gruppo Triboo. Collaboro con Il Giornale per il quale curo la rubrica "Mercati che Fare". Scrittore? Mi diverto a raccontare storie importanti, come quella di Ennio Doris presidente di Banca Mediolanum in "C'è anche Domani" edito da Sperling e di Niko Romito lo chef italiano più emergente (Sperling) in "Apparentemente Semplice". Il mi libro "Rischio Banche" (Sperling) analizza il momento difficile vissuto dal sistema bancario italiano cercando di rendere più edotti i cittadini sui nuovi comportamenti da detenere nella gestione del rapporto con gli istituti di credito. Ho scritto dodici libri, l'ultimo "il Tempo della Verità", edizioni Sperling, è uscito il 25 febbraio scorso.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close