EconomiaFuturo

Bella idea fallire

Guardare più prospettive per migliorarsi

Bella idea fallire

Mi rivolgo a voi ragazzi di oggi e domani, augurandovi di fallire tutte le volte che sarà necessario per realizzare qualcosa che valga la pena essere ricordato e narrato nel tempo.

Da sempre il fallimento è visto come qualcosa di negativo. Quel retrogusto anche scolastico, complici quelle interrogazioni  e quelle verifiche in cui, una volta consegnate dai professori, oppure navigando nella app della scuola,  l’attenzione andava rivolta inesorabilmente a quel voto finale… estrema sintesi di vittorie e sconfitte.

Talmente abituati a ricercare con dovizia di particolari quelle “benedette” spunte rosse, ci siamo da generazioni dimenticati di porre l’accento e l’attenzione su tutte le risposte esatte, quasi svilite di significato ed importanza.

Vi auguro, come in fin dei conti auguro a me stesso, di fallire, di provarci e riprovarci, di sbagliare sempre meglio per ricercare nella realizzazione di una versione successiva, possibilmente migliore, le motivazioni che dentro di noi ci spronano a crescere.

Per parlare il linguaggio di voi nativi digitali, vi auguro di riuscire ad aggiornare costantemente le app delle vostre competenze, conoscenze e passioni. Di stabilizzare i vostri obiettivi futuri, correggere alcuni inevitabili bug, per rendere la vostra life & user experience, una somma di successi e lezioni di vita che vi porteranno un domani, rileggendovi nel passato, ad essere orgogliosi di quanto conseguito.

Esiste un solo modo per realizzare qualcosa… provarci.

Esiste un solo modo per arrivare… fare il primo passo.

Certo, avrete sempre la possibilità assoluta di non fallire, rinunciando a qualsivoglia obiettivo.
Sarebbe un pò come ritrovarsi in tasca un vecchio smartphone del duemilaventi.

Probabilmente non ne sarà valsa  la pena.

Il domani è il vostro futuro, abbiatene cura, da oggi.

 

Giovanni Cedaro

Tags
Mostra di più
Pubblicità

Giovanni Cedaro

Da sempre interessato al mondo del risparmio e degli investimenti, conseguito il diploma tecnico-commerciale e dopo breve attività di rappresentanza, ho avuto la fortuna di tradurre questa mia passione in attività lavorativa come dipendente bancario.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close