Economia

Europa: in Italia, Spagna e Portogallo tassi sempre più in basso

Italia tassi ai minimi dal 2006

Europa: in Italia, Spagna e Portogallo tassi sempre più in basso

LONDRA, 15 dicembre (Reuters) – Martedì i costi di indebitamento dell’Europa meridionale hanno toccato nuovi minimi record poiché la preoccupazione per l’aumento dei casi di COVID-19 nelle principali economie ha compensato la promessa di un ritorno alla normalità a causa di un vaccino e un cauto ottimismo sui colloqui commerciali sulla Brexit. La rinnovata incertezza sulle prospettive economiche ha sostenuto i mercati obbligazionari di tutta l’area dell’euro pochi giorni dopo che la Banca centrale europea ha scatenato nuovi stimoli per sostenere l’economia dallo shock del coronavirus. I mercati obbligazionari periferici, che negli ultimi mesi hanno avuto la tendenza a beneficiare quando il sentimento verso la ripresa migliora, ma anche quando l’incertezza alimenta le aspettative di stimolo della BCE, hanno continuato a sovraperformare.

I rendimenti delle obbligazioni decennali in Italia, Spagna, Portogallo e Grecia sono tutti scesi a nuovi minimi storici.

“Il mercato continua a diffidare della luce alla fine del tunnel”, ha affermato Rainer Guntermann, stratega dei tassi di Commerzbank. “Mentre i Bund restano combattuti tra le speranze sui vaccini e le preoccupazioni di blocco, gli spread continuano a restringersi mentre la BCE ‘preserva condizioni di finanziamento favorevoli'”, ha aggiunto, riferendosi al forte stimolo della BCE che ha bloccato i costi di finanziamento.

Il rendimento delle obbligazioni a 10 anni dell’Italia è sceso fino allo 0,48%. Ciò ha spinto il divario osservato da vicino con il suo equivalente tedesco – effettivamente il premio per il rischio sul debito italiano – al suo minimo dall’inizio del 2016 a circa 109 punti base.

I rendimenti a lungo termine spagnoli, portoghesi e greci sono scesi a nuovi minimi a -0,014%, -0,053% e 0,562% rispettivamente.

Nei cosiddetti mercati obbligazionari core, il rendimento delle obbligazioni a 10 anni della Germania è rimasto stabile, dopo essere sceso a -0,63%, vicino ai minimi recenti di un mese.

Martedì i titoli dei virus sono stati contrastanti, con l’Unione Europea in corsa per approvare il suo primo vaccino COVID-19 prima del previsto.

Ma l’Italia dovrà imporre nuove restrizioni durante le festività natalizie per frenare il contagio ed evitare una terza, devastante ondata di coronavirus, ha detto il premier in un’intervista pubblicata martedì. Ciò ha fatto seguito alla notizia che è improbabile che la Germania, la più grande economia europea, revochi il blocco all’inizio del prossimo anno, mentre Londra mercoledì entrerà nel livello di restrizioni più duro dell’Inghilterra.

Antoine Bouvet, stratega dei tassi senior presso ING, ha affermato che l’attuale contesto è favorevole anche a un inasprimento a breve termine del divario tra i rendimenti obbligazionari statunitensi ed europei, che a 152 bps non è lontano dai livelli più ampi da marzo. “Salvo un imminente accordo commerciale, l’ottimismo sulla Brexit dovrebbe lentamente sgonfiarsi, portando a tassi più bassi”, ha detto Bouvet.

“I recenti annunci di blocco suggeriscono che l’oscurità persisterà su entrambe le sponde dell’Atlantico e determinerà un temporaneo rafforzamento del differenziale dei tassi di Stati Uniti ed euro”.

Altrove, la Germania ha guadagnato più di 7 miliardi di euro ($ 8,51 miliardi) dall’emissione di nuove obbligazioni quest’anno, poiché i rendimenti negativi hanno spinto al ribasso i costi complessivi del servizio del debito ai minimi storici, ha mostrato un documento del ministero delle Finanze.

Tags
Mostra di più
Pubblicità

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close