Finanza

Tesla batte tutti gli altri

IL POTERE DEGLI INVESTIMENTI DINAMICI

Tesla batte tutti gli altri

 

Questa settimana (alla chiusura del mercato il 15 dicembre) la capitalizzazione di mercato di Tesla ($ 606,5 miliardi) ha superato quella di Toyota, General Motors, Daimler, VolksWagen, BMW, Honda e Ford messe insieme ($ 578,2 miliardi)! Ciò sottolinea ancora una volta il potere delle tendenze di mercato e la strategia di investimento dinamico. Diamo una breve occhiata al modo in cui si è formato.

 

Mentre l’S&P500 si è apprezzato di quasi il 300% negli ultimi dieci anni, le case automobilistiche sono rimaste indietro. Per ogni dollaro investito in Toyota, oggi ne avresti circa due. Se fossi stato sfortunato a investire in Ford Motor Co, il tuo investimento varrebbe circa la metà e con la maggior parte degli altri saresti pari. Poi c’è Tesla. Nello stesso periodo è aumentato di 120 volte! Ecco l’immagine – su scala logaritmica (altrimenti i prezzi delle azioni di altri produttori sembrano una linea piatta irregolare):

 

Sebbene la valutazione di Tesla sarebbe difficile da giustificare su una base razionale, la realtà innegabile davanti a noi è che Tesla ha massicciamente sovraperformato i suoi pari, una tendenza che si è mantenuta durante l’ultimo decennio. Se avessi avuto la saggezza e la lungimiranza di investire in Tesla e mantenerlo per dieci anni, avresti fatto molto bene.

Ma chi ha tanta saggezza e lungimiranza? Probabilmente non molte persone. Tuttavia, se scegliessi sistematicamente i titoli con le migliori prestazioni e investissi in essi indipendentemente da ciò che pensavi delle società in questione, della loro valutazione, dei prodotti o dei team di gestione, avresti intrapreso qualcosa … Si chiama investimento momentum.

Il potere dell’investimento momentum: prove empiriche

L’ascesa di Tesla non è stata un’anomalia ma solo un caso nuovo, anche se spettacolare, del tema ricorrente: che i mercati si muovono secondo le tendenze . Quando le tendenze vanno sul serio, spesso eclissano le nostre nozioni sulla valutazione razionale: pensa a cose come Bitcoin e Palladium o ad azioni come Amazon, Microsoft, Facebook, Tencent e altri. L’investimento momentum , una variante del trend following, cerca di scegliere sistematicamente tali titoli in ascesa e mantenerli. Quanto bene funziona questa strategia? Funziona notevolmente bene.

Uno studio empirico molto ampio di questa strategia che copre oltre un secolo di dati ha mostrato quanto sia costantemente efficace. Per testare la strategia, i ricercatori della London Business School Elroy Dimson , Paul Marsh e Mike Staunton hanno analizzato la cronologia dei prezzi del mercato azionario a partire dal 1900.

Hanno costruito portafogli di investimento selezionando 20 titoli con le migliori performance nei 12 mesi precedenti tra le 100 maggiori società di trading pubblico del Regno Unito e hanno confrontato la loro performance con i portafogli di 20 peggiori performer, ricalcolando i portafogli ogni mese. Hanno scoperto che i titoli con le prestazioni più basse avrebbero trasformato £ 1 investito nel 1900 in £ 49 entro il 2009. Al contrario, i migliori performer avrebbero trasformato £ 1 in £ 2,3 milioni, [1] una differenza del 10,3% nel tasso di rendimento annuo composto . Tieni presente che questo periodo di tempo copre la prima guerra mondiale, la depressione degli anni ’30, la seconda guerra mondiale, il Vietnam, la Corea, l’embargo petrolifero, l’inflazione degli anni ’70, la caduta dell’URSS, ecc.

 

Il divario tra gli investimenti in titoli con performance migliori e peggiori era ancora più ampio se si tenevano conto dei dati dell’intero mercato azionario di Londra. Dal 1955 in poi, i top performer hanno generato un tasso di rendimento annuo composto del 18,3% contro il rendimento del 6,8% per i titoli in ritardo. Dimson, Marsh e Staunton hanno scoperto che la strategia era “sorprendente e straordinariamente persistente” poiché si è rivelata efficace in 17 dei 18 mercati globali studiati con dati che risalgono al 1926 per l’America e al 1975 per i mercati europei più grandi. L’unica eccezione è stata il Giappone, dove i risultati si basavano sui dati successivi al 2000. [2]

Il vantaggio del trend follower e dell’investitore momentum è che non ha bisogno di sforzarsi intellettualmente per determinare le giuste valutazioni alle quali acquistare o vendere asset. Forte e chiaro, i mercati stessi ci comunicano quali asset sono favorevoli e quali sfavorevoli.

Tags
Mostra di più
Pubblicità

Leopoldo Gasbarro

Direttore di Wall Street Italia e del network finanziario del Gruppo Triboo. Collaboro con Il Giornale per il quale curo la rubrica "Mercati che Fare". Scrittore? Mi diverto a raccontare storie importanti, come quella di Ennio Doris presidente di Banca Mediolanum in "C'è anche Domani" edito da Sperling e di Niko Romito lo chef italiano più emergente (Sperling) in "Apparentemente Semplice". Il mi libro "Rischio Banche" (Sperling) analizza il momento difficile vissuto dal sistema bancario italiano cercando di rendere più edotti i cittadini sui nuovi comportamenti da detenere nella gestione del rapporto con gli istituti di credito. Ho scritto dodici libri, l'ultimo "il Tempo della Verità", edizioni Sperling, è uscito il 25 febbraio scorso.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare
Close
Back to top button
Close
Close