Banca

Commerzbank in 3 anni 2300 licenziamenti

Stanziati 745 milioni di Dollari per coprire i costi dell'operazione

Commerzbank in 3 anni 2300 licenziamenti

(Bloomberg) Commerzbank stanzierà 610 milioni di euro (745 milioni di dollari) nel quarto trimestre per coprire i costi di ristrutturazione dopo aver raggiunto un accordo con il comitato aziendale sui tagli di posti di lavoro previsti. L’importo coprirà l’eliminazione di 2.300 posizioni tra il 2021 e il 2024, parte di un piano di ristrutturazione annunciato lo scorso anno, secondo una dichiarazione della banca lunedì. Commerzbank ha detto che prevede di dettagliare ulteriori misure nell’ambito di una revisione della strategia che sarà finalizzata nel primo trimestre.

Ieri le azioni dell’istituto di credito sono scese dello 0,8% alle 12:37 a Francoforte, poiché i costi minacciano di spingere Commerzbank ancora più in rosso quest’anno. Bloomberg aveva precedentemente riferito che il presidente del consiglio di sorveglianza Hans-Joerg Vetter e il nuovo amministratore delegato Manfred Knof stanno lavorando a un piano di riduzione dei costi più ambizioso per sostituire quello dello scorso anno, con circa 10.000 posti di lavoro sulla linea. Gli accantonamenti per la ristrutturazione avranno “un impatto corrispondentemente negativo sul risultato netto”, ha affermato Commerzbank nella dichiarazione. La banca ha precedentemente affermato che è probabile che quest’anno registrerà una perdita a causa di accantonamenti per rischi più elevati a seguito della pandemia e dei costi di ristrutturazione elevati.

Knof, un ex dirigente di DBank, entrerà ufficialmente a far parte di Commerzbank a gennaio. Quindi esaminerà la nuova strategia prima che la banca ne annunci i dettagli nel primo trimestre.

Il fondo ristrutturazione del quarto trimestre si aggiunge ai 200 milioni di euro contabilizzati nel trimestre precedente. Entrambi fanno parte delle riduzioni dell’organico annunciate lo scorso anno nell’ambito di una strategia denominata Commerzbank 5.0. Quel piano prevedeva la riduzione di 4.300 posti di lavoro nel 2023, aggiungendo anche 2.000 nuove posizioni in diverse aree. Svelata sotto l’allora CEO Martin Zielke, la strategia ha deluso gli investitori e alla fine è culminata in una crisi di leadership quando Zielke e l’allora presidente Stefan Schmittmann si sono dimessi congiuntamente.

Tags
Mostra di più
Pubblicità

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close