Economia

Anno 2021: l’inizio di una nuova era

Il 2021 si prospetta come l'inizio della vera era digitale, dove la tecnologia e il nostro rapporto con essa si evolveranno in maniera irreversibile.

Anno 2021: l’inizio di una nuova era

 

La tecnologia digitale è il futuro“… un’affermazione sicuramente vera ma che fa sorgere spontanea una domanda: quando? Quando avrà inizio questo fantomatico futuro digital di cui tutti parlano? La risposta, incredibilmente, è “adesso“. Dopo quasi un anno dall’inizio della crisi, durante la quale tutti ci siamo dovuti adattare ad una situazione difficile, finalmente siamo giunti alle porte del 2021. Quello che sta iniziando si prospetta come un periodo di sviluppo e innovazione, in cui non solo ci riprenderemo da quanto abbiamo passato ma inizieremo a costruire il nostro futuro.

Il punto di non ritorno

Questo 2020 è stato senza dubbio un anno di grande cambiamento, ma a chi afferma che la rivoluzione digitaleè già avvenuta dico questo: il vero boom della digitalizzazione è appena cominciato. Per quanto non si possa negare che negli ultimi dieci mesi la tecnologia sia stata al centro di tutte le attività, lavorative e non, siamo ancora ben lungi dal raggiungere il picco di questa trasformazione. Al momento ci troviamo solo alle prime battute, il punto di partenza da cui far partire veramente la digital revolution.

Quello che è certo è che non è più possibile tornare indietro: quest’anno lo smart working, la didattica online e molti altri servizi digitali, nonostante abbiano ancora ampi margini di miglioramento, sono entrati a far parte della nostra quotidianità. Immaginare di tornare indietro, specie considerati i buoni risultati raggiunti in rapporto al contesto del 2020, sarebbe impensabile. Abbiamo provato sulla nostra pelle quanto può offrire la tecnologia e non avrebbe senso rinunciarci adesso. L’unica strada percorribile quindi rimane quella dello sviluppo verso la piena digitalizzazione.

Un boom senza precedenti

Ad ogni grande trasformazione tecnologica corrisponde di conseguenza un boom economico: basti pensare all’invenzione della ruota o all’inizio dell’era industriale. Il punto però è che il boom a cui assisteremo non ha eguali nella storia dell’umanità. Stiamo parlando di un totale sconvolgimento dello status quo, di come le persone vedono e interagiscono col mondo che le circonda. Le nuove tecnologie con cui da ora in avanti verremo sempre più a contatto daranno vita ad un lungo processo da cui usciremo completamente trasformati, un periodo di grande benessere che probabilmente si svilupperà pienamente solo nell’arco di venti o trent’anni.

Alcuni potrebbero vedere questa esplosione digital come un qualcosa di negativo, in grado potenzialmente di creare milioni di disoccupati. Certo, con un mutamento così radicale è ovvio che qualche professione sparirà così com’è stato in passato durante ogni grande rivoluzione tecnologico-industriale, ma per ogni lavoro scomparso posso assicurarvi che ne nasceranno moltissimi altri per andare a soddisfare tutti i nuovi bisogni generati dal cambiamento.

Il 2021 insomma è solo il primo passo di una lunga scalata che ci porterà verso un mondo totalmente digital, di cui tutti potremo goderne i benefici a patto ovviamente di essere disposti a cambiare.

 

Umberto Macchi

Tags
Mostra di più
Pubblicità

Umberto Macchi

Ha maturato un'esperienza trentennale nel campo della finanza e delle comunicazioni. Riconosciuto come uno dei massimi esperti di comunicazione digitale e social in Italia, ha iniziato a interessarti ai social network agli albori. Prima che diventassero una moda ha compreso il loro reale valore, rivelandosi in questo un precursore. É autore di lbiri, formatore e speaker in numerosi seminar e corsi, in tutta Italia. Uno dei suoi obiettivi è quello di divulgare la cultura social e digital affinchè le persone possano migliorare la qualità della loro vita e della loro attività apprendendo il corretto uso dei nuovi strumenti online.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close